skip to Main Content
Via Magno Magnini, 18 - 06127 Perugia (PG) 075.5007094 info@bachiorri.com
La Ginecomastia: Cause E Soluzioni

La ginecomastia: cause e soluzioni

Lo sviluppo eccessivo delle mammelle negli uomini può essere fonte di disagio psicologico e isolamento sociale: i soggetti maschili che sperimentano rotondità tipicamente femminili sul seno potrebbero infatti provare sentimenti di vergogna e sentirsi limitati nell’esporre il proprio corpo in palestra o in spiaggia, nonché avere difficoltà a trovare l’abbigliamento adeguato da indossare.

Chi è vittima della cosiddetta ginecomastia, oggi, non deve avere più timori riguardo al proprio aspetto fisico: attraverso dei trattamenti chirurgici estetici su misura sarà infatti possibile ridurre il problema, allontanando qualsiasi tipo di stress psicologico.

Se soffri di ginecomastia, ricorda che non sei il solo! Il problema della mammelle maschili pronunciate affligge soprattutto gli uomini sotto i 30 anni, vittime di problemi ormonali. Durante la pubertà è normale sperimentale un aumento del tessuto mammario nei ragazzi: anche se generalmente la situazione al 17° anno di età tende a essersi già normalizzata, è possibile che il problema persista. Dopo i 60 anni di età, la ginecomastia può presentarsi negli uomini adulti che si sottopongono a terapia ormonale contro il tumore alla prostata. In generale, lo sviluppo eccessivo delle mammelle maschili può essere aggravato da varie sostanze, tra cui steroidi anabolizzanti e cannabis.

 

Come procedere per capire a quale intervento chirurgico sottoporsi

Se vuoi risolvere in modo definitivo la ginecomastia, rivolgiti a un centro di chirurgia estetica qualificato e affidabile. Il chirurgo estetico, dopo una visita accurata, saprà identificare se all’origine della ginecomastia c’è un effettivo sviluppo anomalo del tessuto mammario, se si tratta di un semplice accumulo adiposo e quindi si è in presenza della cosiddetta “falsa ginecomastia”, o se il problema deriva da una combinazione delle due cause. Nel primo caso si dovrà procedere all’asportazione chirurgica del tessuto mammario tramite una piccola incisione dell’areola, nel secondo basterà una semplice liposuzione.

L’intervento per la correzione della ginecomastia può essere effettuato sia in anestesia locale che totale, in base al tipo di approccio necessario. La ripresa delle attività lavorative e sessuali è prevista dopo un paio di settimane, prima è necessario rispettare alcuni piccoli accorgimenti, tra cui indossare una guaina contenitiva, evitare di sforzare i pettorali e non dormire in posizione prona. L’intervento alle mammelle maschili non è particolarmente insidioso, anche se, come tutte operazioni chirurgiche, può comportare delle complicanze da tenere in considerazione e che il chirurgo plastico farà presente prima dell’intervento.

Back To Top
Message Us on WhatsApp