skip to Main Content
Via Magno Magnini, 18 - 06127 Perugia (PG) 075.5007094 info@bachiorri.com
Autotrapianto Dei Capelli: Tecniche E Differenze

Autotrapianto dei capelli: tecniche e differenze

Se con il passare degli anni la stempiatura si fa sempre più evidente, oggi non devi rassegnarti alla perdita definitiva dei capelli: valuta un intervento di autotrapianto insieme al tuo chirurgo plastico! L’alopecia androgenetica o calvizie ha cause ereditarie e può manifestare i primi sintomi già prima dei 30 anni, con un impatto piuttosto traumatico nell’uomo che la sperimenta e nella sua autostima.

Oggi il problema della perdita di capelli viene tenuto in grande considerazione dalla medicina, dove sono state elaborate diverse tecniche di autotrapianto – quindi, di riposizionamento dei capelli nello stesso soggetto – in grado di correggere il problema.

 

Come funziona una seduta per l’autotrapianto di capelli?

Per coloro che volessero sottoporsi a un autotrapianto di capelli, come prima cosa devono prenotare un appuntamento con un chirurgo plastico accreditato e di fiducia. Attraverso una visita accurata, infatti, lo specialista valuterà lo stato di salute del cuoio capelluto, proponendo un trattamento adeguato che può comprendere terapie di supporto o, se il paziente è idoneo, un intervento di autotrapianto.

Esistono due diverse tipologie di autotrapianto dei capelli, il FUSS e il FUE, che si distinguono in base alla tecnica di estrazione e impianto dei follicoli. Sarà sempre il medico chirurgo a dover optare per un intervento o per l’altro in base alla tipologia di capello del paziente e allo stato della calvizie.

 

La tecnica FUSS

Per l’esecuzione dell’autotrapianto di capelli di tipo FUSS, il chirurgo preleva una striscia di cuoio capelluto dalla nuca del paziente: la zona donatrice è solitamente lunga da 10 a 24 cm e larga da 1 a 1,5 cm, per un totale di 3000-3500 bulbi. La cicatrice sarà invisibile una volta coperta dalla crescita dei capelli.

Il chirurgo, quindi, suddividerà al microscopio i bulbi per gli innesti dalla striscia di cuoio capelluto disponibile e li reimpianterà nelle zone glabre: il risultato sarà totalmente naturale e i capelli continueranno a crescere anche dalle nuove unità follicolari.

 

La tecnica FUE

L’autotrapianto dei capelli con tecnica FUE viene eseguito attraverso il prelievo singolo delle unità follicolari con dei micro-busturi. Tuttavia, l’operazione comporta un alto tasso di imprecisione e spesso danneggia alcuni follicoli, con percentuali di ricrescita di capelli inferiori rispetto alla prima tecnica descritta.

Con la FUSS il numero di unità follicolari prelevato in una sola seduta è inoltre molto maggiore, tuttavia la scelta della tecnica di autotrapianto dei capelli da utilizzare spetta esclusivamente al chirurgo.

Back To Top
Message Us on WhatsApp